Sibillini_neve

I Monti Sibillini, che con il Monte Vettore raggiungono i 2476 m di quota,rappresentano uno dei principali gruppi montuosi dell’Appennino.

Da Wikipedia, l’enciclopedia libera.

Coordinate: 42°49′26″N 13°16′32″E (Mappa)
Catena principale Appennino umbro-marchigiano (nell’Appennino centrale)
Cima più elevata Monte Vettore (2476 m s.l.m.)

I Monti Sibillini sono il quarto massiccio montuoso per altezza dell’Appennino continentale dopo Gran Sasso, Maiella e Velino-Sirente e si trova nell’Appennino umbro-marchigiano, lungo lo spartiacque primario dell’Appennino centrale, a cavallo tra Marche e Umbria, tra le province di Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Perugia, ospitando l’omonimo Parco Nazionale dei Monti Sibillini.

Sono fondamentalmente costituiti da rocce calcaree, formatesi sui fondali di mari caldi. Le cime superano in alcuni casi i 2.000 m di altitudine, come la maggiore del gruppo, il monte Vettore (2.476 m s.l.m.), il Pizzo della Regina o monte Priora, il monte Bove e il monte Sibilla.

Dall’asse principale della dorsale appenninica degradano un versante orientale, caratterizzato da valli strette e orientate a Nord (le valli dell’Aso, del Tenna e dell’Ambro, e un versante occidentale in cui si rilevano tre caratteristiche depressioni ad alta quota denominate i Piani di Castelluccio (Pian perduto, Pian grande e Pian piccolo).

Dal massiccio dei Sibillini nascono i fumi Aso, Tenna, Ambro e Nera. Nel Parco sono situati il lago di Fiastra (artificiale) e, sotto la cima del Vettore, il lago di Pilato (1940 m.).

Continua a leggere…